Sport e lenti a contatto: 5 atleti che ne fanno uso

Per un atleta professionista nulla deve essere lasciato al caso. La preparazione atletica, l’alimentazione, il riposo sono tutti aspetti importanti che vanno curati nel minimo dettaglio e che poi fanno la differenza tra un buon atleta e un campione. Tra gli aspetti che non possono essere trascurati, a prescindere dalla specializzazione sportiva, c’è sicuramente la vista. Dai canottieri olimpici e le stelle della pista ad alcuni dei giocatori di calcio più pagati del pianeta, ecco 5 atleti che indossano lenti a contatto e come queste li aiutino a rimanere al top del loro gioco. 

Novak Djokovic 

Il campione serbo numero 1 del mondo reduce dalle 20 vittorie del Grande Slam, fa utilizzo delle lenti a contatto e a giudicare dai risultati ottenuti in campo potremmo affermare che sono importantissime per esprimere al meglio il suo gioco. Nonostante qualche piccolo problemino, come quello capitato durante gli Australian Open, e che ha causato una breve interruzione del match, Novak non rinuncia mai alle lenti a contatto.

Katarina Johnson-Thompson

 La multiplista britannica Campionessa del Mondo preferisce le lenti giornaliere per una chiara visione del traguardo, perché le permettono di competere in eventi più impegnativi come il salto in alto e gli ostacoli senza la restrizione degli occhiali. Soprannominata KJT, Katarina ha dichiarato: “Sicuramente non potrei essere una multiplista senza le mie lenti a contatto. Mi permettono di gareggiare, mi permettono di essere libera – mi permettono semplicemente di essere me stessa”. 

Kathrin Marchand 

L’olimpionica Kathrin Marchand indossa le lenti dal 2012, sia quando rappresentava la squadra nazionale tedesca di canottaggio femminile a otto, sia ai giochi estivi di Londra e Rio. Durante la preparazione per le Olimpiadi, Marchand si allenava due volte al giorno mentre studiava medicina. Per stare al passo con i suoi impegni, ha scoperto che indossare comode lenti a contatto non solo l’ha aiutata a correggere la sua miopia, ma ha anche evitato che l’acqua schizzasse sui suoi occhiali facendola rallentare. “Oggi sono una portatrice di lenti entusiasta e costante”, dice Kathrin mentre continua ad usare le lenti a contatto.

Anche nel mondo del calcio non mancano firme illustri.

Mario Balotelli

Anche “Super Mario” fa uso delle lenti a contatto. ll famoso calciatore italiano, che ha giocato per numerosi club europei e che attualmente milita tra le fila del Adana Demirspor Kulübü, squadra della massima divisione turca, era solito indossare lenti correttive per la sua miopia. Questo finché non si è sottoposto a un intervento laser per correggere la vista in maniera permanente. Tuttavia, Mario indossa ancora lenti a contatto, ma per un fattore estetico e di moda scegliendo soprattutto lenti colorate blu brillante. 

David De Gea 

La chiave per parare i calci di rigore è avere una visione chiara dei movimenti del tiratore. Così, quando gli è stata diagnosticata l’ipermetropia, il portiere David De Gea si è affidato alle lenti a contatto per la sua correzione. La stella del Manchester United e della nazionale spagnola conta sulle lenti giornaliere usa e getta per una visione chiara a tutto campo e la sicurezza di tenere gli occhi sulla palla e fuori dalla rete. 

Ma perché questi campioni fanno uso delle lenti a contatto?

Le lenti a contatto donano libertà e comfort che gli occhiali spesso non offrono quando si gareggia sul campo, sulla pista di atletica o pattinaggio. Inoltre di seguito sono riportati anche una serie di vantaggi che sembrerebbero spiegare il perché molti atleti scelgono le lenti a contatto quando fanno sport. 

  • Visione più stabile 
  • Nessun appannamento o schizzi d’acqua sugli occhiali 
  • Migliore visione periferica 
  • Compatibili con altre attrezzature sportive (caschi, occhiali, occhiali da sole) 
  • Più sicurezza e meno possibilità di lesioni 
  • Non scivolano sul viso e non cadono 
  • Protezione UV durante gli eventi all’aperto 
  • Convenienza