5 cose da sapere sull’intervento laser

La chirurgia laser ha l’obiettivo di correggere questi diffusi difetti visivi grazie a interventi mini-invasivi. Gli interventi di chirurgia laser agli occhi utilizzano tecnologie di ultima generazione che, oltre a garantire la massima efficacia e un impatto minimo sul paziente, permettono di ridurre le complicanze nel post-operatorio e consentono un rapido e completo recupero della vista. Se la vostra intenzione è quella di sottoporvi a tale intervento, vi suggeriamo alcuni piccoli consigli per poter prendere la scelta in totale tranquillità e con giudizio.

  1. Chi può fare l’intervento?

In generale, l’intervento si rivolge a tutti i tipi di paziente. Il chirurgo oculista dopo aver effettuato un visita specialistica completa, insieme agli esami diagnostici strumentali, valuta se sussistono le condizioni cliniche ottimali per poter eseguire l’intervento. Solo in alcuni casi è sconsigliabile intervenire, per esempio in presenza di infezioni, malformazioni o patologie oculari, instabilità del difetto, donne in gravidanza o in allattamento.

2. L’intervento è indolore

L’intervento viene eseguito somministrando al paziente un collirio anestetico locale. L’utilizzo del laser, inoltre, diminuisce la sensazione di bruciore o fastidio all’occhio. Alcuni pazienti riferiscono di non avvertire né dolori e né fastidi, sia durante la fase di intervento che durante le fasi successiveQuando presenti, i sintomi più comuni nel post operatorio sono una leggera sensazione di fastidio fino ad un dolore lieve, che va scomparendo progressivamente nel giro di 3 o 4 giorni. 

3. L’intervento dura pochi minuti

Grazie ai laser di ultima generazione utilizzati in Armonia la durata complessiva dell’intervento di chirurgia non supera i 10 minuti. Il trattamento su ogni occhio dura infatti pochi secondi. Tutti i trattamenti si svolgono in regime ambulatoriale o in Day Surgery. Prima della dimissione, che avviene generalmente entro un’ora dall’intervento e richiede la presenza di un accompagnatore, il paziente viene controllato dal chirurgo. In assenza di ulteriori indicazioni il paziente può fare ritorno a casa dopo il breve periodo di osservazione.

4. L’importanza della scelta del centro giusto

E’ molto importante quando si scelgono le prestazioni mediche di ogni tipo, la scelta dei dottori e dei centri. Ogni volta che ci si sottopone a delicati interventi chirurgici, infatti, la scelta tra un centro di qualità e uno meno, così come un dottore preparato e professionale e uno invece che non lo è, fa molta differenza.

5. In tempi brevi si torna a vedere normalmente

Il recupero dopo questo tipo di intervento varia a seconda del difetto visivo trattato, della tecnica e del tipo di obiettivo programmato. In genere si ritorna alla normale attività lavorativa in un tempo variabile che può andare dai 2 ai 10 giorni.